Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Certificazione di Conformità di traduzioni

 

Certificazione di Conformità di traduzioni

Certificazione di Conformità di traduzioni

La Cancelleria Consolare può certificare la conformità all’originale della traduzione in lingua italiana di atti di stato civile e di documenti redatti in spagnolo. L'atto deve essere munito dell'Apostille ai sensi della Convenzione dell’Aja del 1961, apposta dalle competenti Autorità uruguaiane.

Onde evitare il respingimento della documentazione, la traduzione deve essere pienamente fedele all’originale e priva di errori. Quale utile riferimento si riporta il collegamento al sito web dell’associazione dei traduttori pubblici dell’Uruguay (Colegio de Traductores Públicos del Uruguay), che riporta un elenco di professionisti: https://www.colegiotraductores.org.uy/

Come accedere al servizio di certificazione di conformità delle traduzioni

Per ottenere il certificato di conformità della traduzione, l’interessato deve prenotare un appuntamento attraverso il portale Prenota@Mi (https://prenotami.esteri.it/)

Il giorno dell'appuntamento l'interessato dovrà presentarsi personalmente munito di documento di identità presso la Cancelleria Consolare – Ufficio Relazioni con il Pubblico (José Benito Lamas 2857) con la documentazione da legalizzare. Si potranno presentare un massimo di cinque documenti per appuntamento (indipendentemente dal numero di pagine).

Se il richiedente la certificazione di conformità di traduzione si trova impossibilitato di recarsi personalmente presso la Cancelleria Consolare, può delegare una persona di sua fiducia a presentare e/o ritirare la documentazione.

Se il richiedente del servizio è un cittadino italiano, la persona autorizzata può presentare all’Ufficio Consolare una delega, sottoscritta e datata dall'interessato, unitamente alla copia di un documento di identità del delegante sul quale oltre ai dati anagrafici, è necessario che sia ben visibile la firma per confronto con quella apposta in calce alla delega.

Ove il delegante non sia cittadino italiano, dell’UE o residente in Italia, non si applicano le misure di semplificazione contenute del DPR 445/2000. Pertanto, in tal caso, la firma apposta in calce alla delega va autenticata e successivamente apostillata.

In ogni caso, il delegato dovrà essere munito di proprio documento di identità per poter essere correttamente identificato.

Il costo per ogni dichiarazione di conformità della traduzione corrisponde all’equivalente in pesos di 13 euro per ogni foglio (1 foglio = due pagine, fronte e retro dello stesso foglio).

I diritti consolari corrispondenti devono essere pagati al momento della presentazione della documentazione nella Cancelleria Consolare.


553